Tutti i post con tag: olivia&marino

L’Aperisfizio® brassicolo: una serata a tutta birra!

pubblicato da La Redazione di Olivia Marino il 23 aprile 2012

Autore: Mirco Mariotti

La produzione casalinga della birra è una passione a cui si dedicano sempre più persone, in prevalenza uomini, meglio se in compagnia degli amici più cari. Condividere, infatti, un hobby è un modo per rinsaldare i legami oltre che per distrarsi dalle incombenze quotidiane.

Organizzare un party a tutta birra con gli amici può essere l’occasione buona per permettere alla tua fidanzata di uscire finalmente con le amiche, senza contare che al suo rientro troverà ad attenderla una sorpresa inaspettata e sicuramente gradita.

Prima di procedere, ricorda, però, che la produzione casalinga di birra implica un ampio utilizzo di pentolame e fornelli, cosa che le nostre compagne, a giusta ragione, mal tollerano. Ecco perché io ti suggerisco di andare sul facile, utilizzando uno dei kit che si trovano in commercio, anche online.

Una volta che disponi degli strumenti necessari segui le fasi seguenti:

  • Stempera il malto concentrato (simile a uno sciroppo col profumo di caramello) in acqua e porta il mosto ottenuto ad ebollizione; spesso i malti concentrati contengono già l’estratto di luppolo, la cui infiorescenza dona alla birra il caratteristico gusto amarognolo.
  • Nel frattempo stempera in acqua tiepida il lievito secco.
  • Raffredda velocemente il mosto e aggiungi il lievito mescolando energeticamente.
  • Una volta iniziata la fermentazione attendi circa una decina di giorni, travasa eliminando i fondi, e aggiungi lo zucchero che sarà necessario per la seconda fermentazione in bottiglia che dona le bollicine e la schiuma.

Dato che occorre qualche ora per realizzare il tutto, il mio Consiglio DOC è invitare i tuoi amici a un gustoso Aperisfizio® utilizzando i prodotti de La Bottega di Olivia&Marino come base per gli abbinamenti brassicoli. Per esempio, potresti abbinare una fresca e dissetante Blanche a un caprino aromatizzato con erba cipollina spalmato sulle Schiacciate croccanti con olio extravergine di oliva oppure una Mild, tipica Ale inglese, con le Sfoglie croccanti al forno con pezzi di olive sulle quali adagerete una crema di pomodori San Marzano e capperi salati. Se avessi bisogno di consigli, consulta il sito dell’Associazione Unionbirrai, ricco di informazioni e suggerimenti per l’home brewer alle prime armi.

Aperisfizio® a lume di candela: un veloce e romantico tête-à-tête

pubblicato da La Redazione di Olivia Marino il 5 marzo 2012

Autore: Sabrina Lorenzi – Colazionialetto

Spesso si è portati a pensare che servano cene speciali in luoghi esclusivi per creare dei momenti romantici, e invece ci si ritrova catapultati in ristoranti affollati, dove si fa fatica perfino a parlare. La soluzione, invece, è molto più semplice di quanto si possa immaginare: anche un aperitivo in casa si può trasformare in un momento unico.

Basta veramente poco: candele, petali di fiore, un fingerfood realizzato con le Sfoglie di Olivia&Marino, accompagnato da qualche bollicina, come nella migliore tradizione.
É bello trovare un momento per stare insieme, chiacchierare fitto fitto, fermare il tempo, e lasciare che tutto il resto ruoti intorno a noi, come nelle prime uscite.
Semplice, veloce, e di sicuro effetto, perché organizzare dei tête-à-tête romantici, non solo a S. Valentino, dipende esclusivamente da noi.

Il mio consiglio doc? Queste “Sfoglie croccanti al salmone affumicato”

Per 10 pezzi: 200 gr salmone affumicato , 80 gr mascarpone , 2 cucchiai di burro, 1 cucchiaino di succo di limone, cetriolo 100 gr, erba cipollina, Sfoglie di Olivia&Marino

In un mixer unisci metà del salmone, il mascarpone, il succo di limone e il burro. Trita fino a ottenere una crema liscia, aggiusta di sale. Metti il composto in un contenitore ricoperto da pellicola trasparente. Copri con dell’altra pellicola e fai rassodare per 4 ore in frigorifero.

Taglia il cetriolo a pezzetti e mescolalo al salmone rimasto tagliato fine e a un po’ di erba cipollina tritata.
Ritira la mousse di salmone dal frigorifero, ricavane delle fettine spesse ½ cm e alte la metà della sfoglia di Olivia&Marino. Aggiungi una sfoglia da entrambi i lati della mousse, e riempi lo spazio vuoto con la dadolata di salmone e cetriolo.

  • Se vai di fretta, metti la crema nel congelatore, e controlla la solidificazione dopo 30 minuti
  • Per una presentazione più semplice, usa le sfoglie come base, crea una piccola quenelle di mousse, decora con la dadolata di salmone e cetriolo.

E adesso, naturalmente, goditi la serata …

Un bell’Aperisfizio® non fu mai scritto…

pubblicato da La Redazione di Olivia Marino il 27 febbraio 2012

Autore: Mirco Mariotti

La presentazione di un libro è sempre un momento molto intimo, durante il quale uno scrittore incontra il suo potenziale lettore e condivide con lui le emozioni che lo hanno portato a scrivere la sua opera. Anche a te, forse, sarà capitato di assistere a una di esse e di tornare a casa non del  tutto soddisfatto perché non sei riuscito a fare quella domanda che, magari per pudore, non ti è proprio uscita nonostante ne avessi l’opportunità…
Nessun problema: adesso sono gli scrittori che vengono direttamente a casa tua a presentare i loro libri!

Funziona così: si contatta l’ufficio stampa dell’autore che ti dà le dritte per procurarti i libri (se poi hai un libraio di fiducia, ancora meglio), dopodiché non ti resta che invitare i tuoi amici, soprattutto i lettori più incalliti, e il gioco è fatto!
E se la presentazione in sè è importante, non è che – finita quella – ci si stringe la mano e arrivederci… È buona cosa, infatti, prevedere un momento conviviale o un piccolo buffet, in modo che i presenti possano scambiarsi le proprie opinioni, lo scrittore firmi le copie dei libri, e i più timidi gli rivolgano le domande a “tu per tu”.

Ma entriamo un po’ di più nei dettagli. Per evitare confusione è opportuno tenere ben distinte la zona dell’aperitivo dal living dove si svolgerà la presentazione; per rendere più accogliente l’atmosfera si potrà giocare sul diverso tipo di sedute, disposte a semicerchio, passando dal divano alle sedie e, perché no, ad un caldo tappeto sul quale sedersi a gambe incrociate.
Per il buffet ho un consiglio DOC: rendi facile l’approvvigionamento dei tuoi commensali, prevedendo dei finger food semplici e leggeri, che potrebbero essere dei bicchierini di pinzimonio dove inserirai una Spianatina con pomodorini Scarpariello e basilico de La Bottega di Olivia&Marino, oppure preparazioni facili da porzionare come una cheese cake salata con feta e base ottenuta nel mixer utilizzando gli Sfilati rustici al forno alle olive.

Per farti un esempio, ti segnalo un autore riminese che predilige questo tipo di incontri: si tratta di Michele Marziani, che sul suo blog ha già previsto tutto nel post “scrittore a domicilio”. Non ti resta che contattarlo: buona lettura, e buon Aperisfizio!

Originale, veloce e creativo: è l’Aperisfizio® Food-Contest!

pubblicato da La Redazione di Olivia Marino il 21 febbraio 2012


Autore: Irene Festa

Il dibattito sulla miglior cucina del mondo non finirà mai.

I francesi sostengono la loro, du terroir o nouvelle che dir si voglia, gli spagnoli combattono a colpidi peperoncino, i greci gridano guerra al colesterolo. E gli Italiani? Beh, l’unica cosa certa è che siamo i campioni in un campo: la creatività, conosciuta anche come “l’arte di sapersi arrangiare”.

Che se appena rientrati dal lavoro suona il campanello e sono gli amici di sempre con una bottiglia di vino bianco in una mano e gingerino nell’altra, dopo il momento di panico del «Non ho niente incasa!!!» riusciamo a confezionare in quindici minuti un aperitivo coi fiocchi, che non sfigurerebbe in un articolo sul finger-food più cool.

Eccovi in azione: mentre con la mano destra afferrate il pezzo di grana che non manca mai e lo affettate grossolanamente, la sinistra ravana il freezer alla ricerca di melanzane grigliate in busta o, ancora meglio, quel paté di olive che vi ha mandato la suocera e che viene lanciato dritto in microonde. Lo yogurt magro senza zuccheri preso in un momento di coscienziosità viene mescolato senza pietà a prezzemolo tritato (sempre freezer), e parte del parmigiano sopracitato grattugiato.

Disponete un po’ di Schiacciate su un piatto, le spalmate velocemente con la salsina di yogurt e formaggio e dal microonde ecco rinvenute le melanzane grigliate, che posizionate sopra la salsina. Il barattolino di paté scongelato viene riempito di Sfilati e riempite una ciotola con i pezzi di parmigiano. E giungete in soggiorno, con vassoio e sorriso, freschi come rose mentre gli imbucati lanciano grida entusiaste.

Da qui la mia idea: un aperitivo Food-Contest.
Gli ingredienti? Li scegliete voi. Ognuno scrive un ingrediente su un foglietto senza sapere cosa hanno scritto gli altri.
La sfida? Preparare con quelli e SOLO quelli un finger food da aperitivo.
Chi vince? Beh, lo sfizio che finisce prima!

L’“idea in più” per il 2012? L’Aperisfizio® al buio!

pubblicato da La Redazione di Olivia Marino il 14 febbraio 2012


Autore: Cristiano Bonolo

Se è vero che nelle ultime settimane l’inverno sembra aver ritrovato – dopo un inizio di stagione inusualmente tiepido – le temperature che gli sono proprie, è vero anche che il modo migliore per affrontarlo è stare in casa in buona compagnia, per scaldarsi l’animo e rinforzare le amicizie con le persone care.

Ecco quindi una valida proposta per una serata diversa dal solito: l’Aperisfizio al buio!
La premessa importante è quella che nessuno dovrà conoscere, se non poco prima dell’inizio, il luogo dell’evento e con chi passerà la serata.

Come contattare i tuoi amici? Semplice, grazie al social networking!
Parti con un tweet veloce ed invia conferma sulla data e l’orario dell’aperitivo. Ma ricorda: la serata deve cominciare quando tutti saranno presenti!

Per mantenere alto l’interesse nei partecipanti, twitta dettagli riguardanti i preparativi, senza dimenticare di corredarli con immagini che suscitino interesse e, perché no, che facciano venire l’acquolina in bocca.

Trasforma la tua casa e rendila accogliente, lavorando sulle luci soffuse che conferiscono anche agli ambienti più asettici calore e senso di appartenenza.

Disponi le sedie a due a due, una di fronte all’altra, e a ciascuna coppia assegna un numero attraverso biglietti che avrai disposto in due scatole, una per i maschietti e l’altra per le femminucce.

Quando è tutto pronto per la grande serata invia il tweet con l’indirizzo di casa tua, così che tutti sappiano dove raggiungerti. Man mano che arrivano le persone fai pescare un numero: le coppie si formeranno casualmente di fronte ai tuoi occhi. Ricordati però di pescare un posto anche per te, altrimenti resterai solo… l’organizzatore.

Il mio consiglio doc? Per ogni coppia un calice di bollicine e una brunoise di verdura all’aceto di riso con briciole croccanti di Sfilati Rustici al Forno di Olivia&Marino, un piatto semplice come l’evento che hai appena organizzato.

Divertiti senza esagerare e il successo sarà garantito!

Lucia Tilde Ingrosso Autore DOC per Olivia&Marino: Firenze con i bambini

pubblicato da La Redazione di Olivia Marino il 17 gennaio 2012

Firenze non ha certo bisogno di presentazioni. Il capoluogo della Toscana è una citta così bella che capisci perché è nata qui la sindrome di Stendhal (stordimento di fronte ai capolavori artistici).
Ma un occhio nuovo con cui guardare questo luogo ricco di arte, storia e cultura può essere quello dei bambini. A loro Firenze dedica attrazioni ad hoc e luoghi accoglienti.
Non a caso, ha conquistato il titolo di miglior città per le vacanze con bimbi, secondo Travelers Choice Family 2011.

Coquinarius

A due passi dal Duomo, in via delle Oche (dove si riunivano le comari), piccolo e intimo, aperto dal mattino a notte alta. Ottimo per colazioni, brunch, pranzi veloci e anche cene romantiche (la sera è consigliata la prenotazione). Notevoli i mix di sformati di verdure, i taglieri e i crostoni, nonché i dolci. I prezzi vanno dai 15 euro di un pranzo veloce ai 40-45 di un pasto completo.

Per smaltire il pranzo, ci si può inerpicare sul Campanile di Giotto. I bambini apprezzano molto la vista della città dall’alto (85 metri).

Coquinarius – via delle Oche, 15 r – tel. 055 2302153 – www.coquinarius.it

Mangiafoco

Un’osteria a conduzione familiare: marito e moglie ai tavoli, fratello di lei in cucina. Ambiente gradevole e clima simpatico. Crostoni, insalate, carpacci di pesce e di carne, pasta e dolci fatti in casa. Tutto ottimo, prezzi non popolarissimi, ma nel complesso merita una visita.

Se i bambini durante il pasto si sono annoiati, li si può poi intrattenere grazie alle numerosissime e ottime iniziative per tutte le età del Museo dei ragazzi, che ha sede a Palazzo Vecchio.

Mangiafoco – Borgo Santissimi Apostoli – tel. 055 2658170 - www.mangiafuocofirenze.it

Buca dell’orafo

A due passi da Ponte Vecchio si nasconde un localino che si fregia di seguire il vero protocollo della cucina fiorentina e toscana. Chiuso solo il lunedì è sempre pieno, perciò conviene prenotare. Menù non troppo ampio, ma tutto di livello: dagli antipasti (affettati, crostini) ai primi (zuppa di fagioli, maltagliati al sugo, ribollita), dai secondi (su cui trionfa la fiorentina; da non perdere la scaloppata: bistecca tagliata e rimessa in forno con aglio e rosmarino) ai dolci (cantucci, tortine di mele calde e mattonelle dai dai, cioè gelatini di panna ricoperti di cioccolato). Prezzi abbordabili, Frequentato da Vip e politici, non è infrequente incontrarvi il sindaco Matteo Renzi.

I bambini si divertitanno molto ad attraversare il Ponte Vecchio e poi a raggiungere il Giardino di Boboli. In direzione in centro, invece, non può mancare una sosta alla Fontana del Porcellino (che in realtà è un cinghiale) con tanto di carezza benaugurante al muso.

Buca dell’orafo – via dei Girolami. 28 r – tel. 055 213619 – www.bucadellorafo.com

La Bottega del cioccolato

E’ una cioccolateria artigianale che ha due punti vendita: uno in zona Santa Croce (dove c’è anche il laboratorio) e un negozio caffetteria in via Gioberti.

L’ingrediente principale è il cioccolato, ma nella caffetteria si trova qualche tavolino per fare colazione con croissant  e pasticceria mignon. Grande varietà (e qualità) di cioccolatini, biscotti, confetture. Da visitare assolutamente sotto Natale. Unico difetto: è un po’ fuori mano.

Per svagarsi, ritornare verso il centro dove, in piazza della Repubblica troneggia la tradizionale giostra con i cavallini.

La Bottega del cioccolato – via De’ Macci, 53 – tel. 055 2001609 (laboratorio); via Gioberti, 61 (c/o Le Nove Botteghe) – tel. 055 6550776 – www.andreabianchini.net

Grazie a Lucia Mazzi, fiorentina doc

Quali sono gli Sfizi di Natale? Ecco i 5 consigliati da La Bottega di Olivia&Marino!

pubblicato da La Redazione di Olivia Marino il 13 dicembre 2011

Il Natale è ormai alle porte e, come ogni anno in questo periodo, inizia la corsa ai regali,  agli ultimi addobbi, alla ricerca delle prelibatezze con cui stupire i nostri ospiti durante il cenone della Vigilia o di Capodanno.

Per celebrare l’arrivo del Natale, una festività in cui non mancano le occasioni per deliziare i cinque sensi, La Bottega di Olivia&Marino ha stilato per voi una classifica dei 5 Sfizi natalizi che non dovreste mai farvi mancare…

Al quinto posto, la preparazione del presepe, a partire dalla ricerca e la selezione dei personaggi e dei posti legati alla Natività: il bue, l’asinello, i pastori, Giuseppe, Maria, il Bambin Gesù, i Re Magi. Se volete andare alla scoperta della tradizione napoletana del presepe, non perdetevi il video itinerario dei Cercasfizio 2009 Silvia e Pietro.

Come quarto sfizio, i concerti. Un appuntamento suggestivo e poetico per trascorrere un pomeriggio o una serata (e, perché no?, la notte di Capodanno) in compagnia delle persone più care ascoltando buona musica. Se ne tengono in moltissime città: è sufficiente una veloce ricerca su Google per scoprire quelli più vicini e assicurarsi un indimenticabile momento di relax e di calore.

Sul podio, in terza posizione, gli imperdibili e caratteristici mercatini di Natale, autentici protagonisti della tradizione italiana ed europea, dove diventa un piacere abbandonarsi in un circo di oro, decorazioni, candele e profumi natalizi. Le mete per eccellenza sono sicuramente quelle dell’arco alpino, come Bolzano, Bressanone, Brunico, Merano e Vipiteno, o quelle di alcune località turistiche o termali.

Come secondo sfizio natalizio, le degustazioni di vini e prodotti tipici locali, in cui è possibile acquistare cesti da offrire in dono ad amici e parenti. Vi consigliamo di consultare l’elenco di eventi organizzati nelle cantine del circuito Movimento Turismo Vino dove, tra un assaggio e l’altro,  potrete deliziarvi il palato con i prodotti Olivia&Marino.

E per concludere, al top della nostra classifica, lo sfizio natalizio per eccellenza: gli aperitivi con gli amici,  meglio a casa propria, con un paio di bottiglie di vino italiano, magari abbinando i prodotti Olivia&Marino ad eccellenze tipiche della gastronomia italiana, seguendo le ricette del concorso “150 Anni in Cucina” organizzato in partnership con Giallo Zafferano.

Che ne dite? Siete a pronti a vivere uno sfiziosissimo Natale 2011?

Uno sfizio per ogni senso: l’“itinerario” di Olivia&Marino attraverso vista, udito, tatto, olfatto e… gusto

pubblicato da La Redazione di Olivia Marino il 23 novembre 2011

Fino a oggi, La Bottega di Olivia&Marino vi ha invitato a farvi promotori delle tradizioni italiane più autentiche (e spesso inedite) invitandovi a creare i vostri itinerari dello sfizio personalizzati, i migliori dei quali hanno poi trovato ulteriore visibilità qui sul nostro Blog o nel corso degli eventi sul territorio che vi abbiamo proposto nel corso di quest’anno.

Questa volta, invece, vogliamo stupirvi con un itinerario un po’ diverso e particolare: un viaggio attraverso i 5 sensi, per scoprire – o riscoprire – i piccoli e grandi dettagli della vita quotidiana in grado di farci provare sensazioni uniche e appaganti anche se, talvolta, non riusciamo a coglierli con la dovuta predisposizione.

Partiamo dalla vista, un senso associato a piaceri spesso superficiali (quante volte capita di dire, o di sentire, frasi fatte come “Anche l’occhio vuole la sua parte” e “La bellezza non è tutto”?) ma di fondamentale importanza se trasposto nel mondo dell’Arte. Lo sfizio che vi consigliamo, quindi, è concedervi un pomeriggio di puro piacere estetico visitando una mostra: cliccando qui potrete scorrere tutte quelle in calendario nella vostra città, e metterne una in agenda già dal prossimo weekend!

E passiamo all’udito, a cui ha dedicato un interessante spunto di riflessione anche uno dei nostri Cultori dello sfizio nel suo Itinerario dei 5 sensi in Liguria:

“Le nostre orecchie ascoltano sempre qualcosa. Piacevole o irritante non ha importanza. Odono e basta. La grande avventura per loro è smettere di farlo o sentire solo fruscii o ancor meglio bisbiglii naturali”.

E dunque, perché non sperimentare i benefici della cosiddetta “Silence Therapy”? Possono essere applicati sia a un’attività individuale – un bagno rilassante, una passeggiata nella natura (che in autunno e in inverno acquista un fascino ancora più avvolgente) – sia, perché no?, a un’attività di coppia – una cena fatta solo di sguardi, per esempio -: l’importante è non essere immersi nel consueto ambiente sonoro di tutti i giorni e ritagliarsi almeno un’ora di assoluto silenzio. Provateci e fateci sapere…

Sempre a causa dei ritmi frenetici a cui siamo sottoposti quotidianamente, inoltre, tendiamo a trascurare anche il senso del tatto, che può invece regalarci sensazioni intense e gratificare mente e corpo. Basti pensare al senso di vitalità che ci pervade quando impastiamo la pizza: il movimento delle dita a contatto con la pasta tiepida è per noi lo sfizio tattile per eccellenza. E non è necessario essere mastri fornai: basta seguire il semplice videotutorial di GialloZafferano

Rimaniamo in cucina per lo sfizio legato all’olfatto. Avete mai fatto caso a quanto inebriante sia il profumo dei biscotti appena sfornati con il caffè? Anche in questo caso, che decidiate di affidarvi a una pasticceria o al fai-da-te, regalatevi una colazione meno frettolosa del solito e soffermatevi per un momento a coglierne a pieno gli aromi: vi renderete conto che il più delle volte è un elemento a cui in pochi prestano la dovuta attenzione.

E concludiamo il nostro percorso alla scoperta degli sfizi dei cinque sensi, con il gusto, eleggendone a doverosa rappresentanza i prodotti Olivia&Marino, in cui ritroviamo e tutti i più genuini sapori tradizionali, come la fragranza del pane appena sfornato, l’olio extravergine di oliva, le olive bianche e nere, i pomodorini.

Ma ora vogliamo anche il vostro parere: quali sono i vostri sfizi preferiti per appagare i 5 sensi? Scriveteceli!

La Bottega di Olivia&Marino

Nuovo abbinamento dello Sfizio: i Torcelli con Prosciutto di Parma

pubblicato da La Redazione di Olivia Marino il 16 febbraio 2011

Vi abbiamo presentato qualche giorno fa l’ultima specialità nata nella bottega dello Sfizio di Olivia&Marino, i Torcelli, suggerendovi qualche abbinamento per assaporarli al meglio.

Vi ricordate che vi abbiamo proposto di gustarlo con del prelibato Prosciutto di Parma? Oggi vogliamo accompagnarvi per mano alla scoperta dell’itinerario ideale per gustare questa nuova delizia della Bottega di Olivia&Marino proprio attraverso la terra del Prosciutto di Parma.

L’itinerario da abbinare ai Torcelli è quello che percorre l’Appennino parmense partendo dalle Valli del Cedra e del Parma, tra il Parco Regionale dei Cento Laghi e il Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano.

Cento Laghi, cento sapori In giro per l’Appennino parmense

di Tigella


Una porzione di territorio dai paesaggi variegati e integri, dove da secoli la natura generosa e il lavoro dell’uomo danno vita ad eccellenze agroalimentari conosciute e apprezzate in tutto il mondo, come il Parmigiano-Reggiano e appunto il famoso prosciutto.

La primavera non è lontana: dedicate il primo week-end di sole alla scoperta di questi luoghi ricchi di sapori unici. Caricate la macchina di Torcelli per gustare un fine settimana da Sfizio autentico!

La Bottega di Olivia&Marino

Nuovo anno, nuovo sfizioso prodotto per La Bottega di Olivia&Marino: i Torcelli

pubblicato da La Redazione il 11 febbraio 2011

Febbraio sta per volgere al termine, le giornate si allungano… marzo è alle porte e già si respira aria di primavera!
Sappiamo già a cosa state pensando: passeggiate all’aria aperta, gite fuori porta e poi partite di calcetto nei prati con gli amici e biciclettate per la città.

E proprio in questo periodo dell’anno, per rendervi più gradevole il timido passaggio alla bella stagione, vi invitiamo ad assaporare l’ultima specialità nata nella bottega dello Sfizio di Olivia&Marino, i Torcelli!

Rustici e sfiziosi, dal gusto deciso e allo stesso tempo delicato, i Torcelli sono ottimi da consumare da soli come spezzafame, tra una chiacchiera con gli amici e un tiro al pallone, sulla panchina del parco, sui gradini del monumento più suggestivo della tua città o in coda alla mostra del momento.

Friabili e croccanti, i Torcelli sono altrettanto perfetti con i più svariati abbinamenti, con mousse di zucchine al basilico e primizie dell’orto o con del sofisticato prosciutto di Parma, o come ci suggerisce Tania Valentini, responsabile del blog di enogastronomia A Bagnomaria , con un tris di burri aromatizzati, alla maitre d’hotel, al salmone e all’erba cipollina. Leggi la sua Intervista. Noi abbiamo già l’acquolina in bocca!

E voi quali abbinamenti avete in serbo per i vostri Torcelli?